Gianna Nannini a Villa Bertelli: tutto sulla regina del rock italiano

Gianna Nannini a Villa Bertelli

Appuntamento imperdibile, alla vigilia di Ferragosto, con Gianna Nannini a Villa Bertelli. Sul palco della kermesse musicale di Forte dei marmi, la cantante arriverà con il suo Fenomenale – Il tour. La cantante senese, proviene dal successo dei suoi concerti in Italia e in Germania ed è pronta a tornare nella sua regione natale, la Toscana.

Nell’ambito del Festival di Villa Bertelli, l’artista canterà le canzoni di Amore Gigante, il suo nuovo album, coinvolgendo il pubblico con la sua carica e la sua invidiabile grinta. Ma ripercorriamo la carriera della grande Gianna, svelando anche alcune curiosità su la cantautrice italiana.

Gianna Nannini, l’identikit

Gianna Nannini è nata a Siena nel 1954 ed è una delle principali icone del rock italiano. Ha un fratello, Alessandro Nannini, ex pilota di Formula 1. E’ alta 1,70, pesa circa 60 chili ed è del segno dei Gemelli. Ha una compagna di nome Carla e una figlia di nome Penelope, nata nel 2010.

Gianna Nannini, la carriera

La carriera di Gianna Nannini è ufficialmente iniziata alla metà degli anni ’70 con l’album omonimo Gianna Nannini. Prima di diventare un’affermata cantante, la Nannini ha frequentato il liceo scientifico e studiato pianoforte. Per un periodo ha anche lavorato nella pasticceria di famiglia, ma un giorno ha avuto un incidente sul lavoro: un macchinario le ha tagliato due falangi. A 18 anni ha partecipato al festival musicale di Montecarlo classificandosi quarta. Da lì è iniziato il suo percorso – fortunato – nella musica. A 19 anni Gianna Nannini si trasferì a Milano, esibendosi in locali, studiando composizione con Bruno Bettinelli. Poi prese lezioni da un terapista vocale londinese, fino al 1979, quando uscì il primo album “Gianna Nannini”, appunto.

Gianna Nannini, le canzoni più belle

Da subito la cantante senese si è contraddistinta per il suo timbro graffiante, per la sua grinta, per quel rock che prima che uno stile musicale era il linguaggio della sua anima. Dagli esordi ad oggi, Gianna Nannini ha fatto la storia della musica italiana (e si è fatta notare anche a livello internazionale), con canzoni sempre molto profonde e ricche di emozioni.

Senza dubbio ci sono dei brani di Gianna Nannini che, più di altri, hanno lasciato il segno. Tra questi ricordiamo “Bello impossibile”, “Sei nell’anima”, Meravigliosa creatura”, “Lontano dagli occhi”, “Fotoromanza”, “I maschi”. E, ancora, “Aria”, “Vita nuova”, “Fenomenale” e “Amore Gigante”, brano del suo ultimo e omonimo album.

Gianna Nannini, curiosità

Tra le curiosità che in pochi sanno su Gianna Nannini, c’è ad esempio che la cantautrice, da ragazza, era una promettente tennista e praticava questo sport a livello agonistico. Tra le sue principali passioni, in gioventù, c’era anche quella per la moto. La prima la comprò a 16 anni ed era il suo modo per fuggire dalle costrizioni, alla ricerca della libertà. Nella sua carriera, Gianna Nannini ha avuto anche l’opportunità di lavorare accanto a Sharon Stone: in una passata intervista a Vanity Fair, infatti, la cantante ha rivelato di essere stata chiamata ai casting di Basic Instinct 2, ma, una volta arrivata sul set, qualcosa l’avrebbe spinta a tornare in Italia.

Gianna Nannini a Villa Bertelli con il Fenomenale – Il Tour

Fenomenale – Il Tour è iniziato il 10 marzo in Germania, a Francoforte, per poi toccare anche Friburgo, Berlino, Dusseldorf, Monaco e altre note città tedesche. Dalla fine di marzo, Gianna Nannini è tornata in Italia, con concerti a Bologna, Genova, Montichiari, Conegliano, Torino, Bari, Eboli e Acireale. Dopo una breve pausa, da metà luglio, Fenomenale – Il Tour porterà la grande cantante anche a Pistoia (16 luglio in Piazza Duomo), a Locarno (21 luglio al Moon & Stars Festival) a Zofingen (8 agosto al Magic Night Festival), a Follonica (13 agosto al Summer Festival) a Forte dei Marmi (14 agosto a Villa Bertelli), per poi chiudere, il 16 agosto a Lecce (a Parco Belloluogo).