“Viaggio verso la speranza” Concerto per violino e pianoforte con due giovani prodigi.

“Viaggio verso la speranza” – Concerto per violino e pianoforte con due giovani prodigi:

Francesco Mazzonetto al piano e Lisa Rieder al violino

Villa Bertelli Sala Ferrario domenica 9 giugno alle 18.00. Primo appuntamento con la rassegna “L’altra Villa “

Ingresso a pagamento, 10 euro

Primo appuntamento con la rassegna “L’altra Villa “domenica 9 giugno alle 18.00 nella Sala Ferrario di Villa Bertelli. Il calendario prevede il concerto di musica da camera con brani classici, da Mozart a Schubert, in un viaggio musicale straordinario, presentato da due giovani artisti, ma con alle spalle una fama internazionale come Francesco Mazzonetto e Elisa Rieder. Torinese il primo, nato nel 1997 e russa, ma residente in Svizzera la seconda. L’evento è a cura dell’associazione Artè, in collaborazione con Villa Bertelli. Ingresso a pagamento, 10 euro. Di seguito il programma:

W.A. MOZART Sonata in mi min. K 304

MASSENET Meditation da “Thais”

ACHRON Ebrew Melody

ELGAR Salut d’Amour

SCHUBERT Fantasia in do magg. D. 934

Francesco Mazzonetto è nato nell’agosto del 1997 a Torino, dove ha studiato pianoforte sotto la guida del M° Jordis Romagnoli. Ha conseguito il diploma in pianoforte sotto la guida del M°Alessio Cioni formatosi alla scuola di Maria Tipo, si sta perfezionando con il M° Marco Sollini presso il Conservatorio di Modena. Parallelamente alla sua formazione solistica, studia musica da camera con il M° Pier Narciso Masi presso il Centro Studi Musica e Arte di Firenze. Ha vinto numerosi Concorsi Pianistici Nazionali ed Internazionali, ricordiamo alcuni di loro: 1° Premio Assoluto Concours Musical de France adAix-an-Provence, Vincitore Assoluto del 19° Concorso Riviera della Versilia, “D. Ridolfi”. 1° Premio Assoluto VI Concorso di Esecuzione Musicale Premio “Città di Magliano Sabina”, Vincitore Assoluto del Concorso Pianistico di Interpretazione Musicale “Premio P. Cafaro”, Premio Speciale giuria di Interpretazione al Concurso Internazional di Piano Villa de Capdepera – Spagna, 1° Premio Concours Musical de France a Parigi.Finalista e terzo Premio Assoluto gruppo AInternational Piano Competition Silver Award 2014 membro della Alink – Argerich Foundation.Finalista e secondo Premio Assoluto al Concorso Internazionale “Clara Wiech”. 1° Premio Assoluto alla IV edizione sezione giovani del Concorso Pianistico Internazionale città di Osimo. 1° Premio Concorso Pianistico Internazionale “Lazar Berman”. Vincitore Assoluto del III° Concorso Internazionale “Pietro Montani”. Si esibisce con regolarità in numerose sale da concerto in Italia e all’estero, sempre con lusinghieri consensi di pubblico e critica. Ricordiamo alcuni concerti: Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto di Torino, Teatro La Nuova Fenice di Osimo, Auditorium di Piacenza, Reggia di Stupinigi per la rassegna “Palchi Reali-Nozze Combinate” dove duetta con Sasha Boldachev prima arpa del Teatro Bolshoi di Mosca, Fondazione Accademia Chigiana, Teatro di Vinci, Museo Nazionale Palazzo Spinola per la Fondazione del Teatro Carlo Felice di Genova, Milano Piano City, Lunigiana International Music Festival, Auditorium Tacchi – Morris Taunton UK, International Debussy Festival Dieppe – Varengeville Francia. Particolarmente applaudito il suo concerto di Capodanno 2018 alla Galleria Umberto 1° a Torino. Suona per la stagione 2018/2019 di Masada a Milano, per la stagione 2018/-2019 di Villa Bertelli a Forte dei Marmi, per il Lyceum Club Internazionale a Lugano, nella stagione 2019 dell’Università popolare di Milano e a marzo 2019 è solista con l’Orchestra Sinfonica di-retta dal M° Fabrizio Ventura nel Concerto n. 3 di Beethoven nella sala Bozzi del Conservatorio di Bologna. Grande successo riscuote il Concerto all’auditorium di Senigallia in duo con la violinista russa Lisa Rieder. Suona in Germania per l’Istituto Italiano di Cultura diAmburgo e per la Stagione Musicale 2019 “Musikalische Shatze im Schloss Wolfsburg”, nella Gartensaal città di Wolfsburg. Viene invitato a suonare alla presentazione del “Lunigiana International Music Festival” a St. Jhon’s In The Village con il patrocinio dell’Istituto Italiano di Cultura a NewYork. Suona il 3° Concerto di Beethoven per 2 pianoforti con il M° Jeffrey Swann alla Steinway Hall di New York. All’età di 15 anni ha eseguito il Concerto K 466 di Mozart con l’Orchestra Sinfonica al Teatro Piccolo Regio Puccini di Torino (“il pianoforte di un virtuoso sedicenne” La Stampa 24/10/2013). Nel 2015 ha eseguito il Concerto per pianoforte di Haydn in Re maggiore con l’Orchestra da Camera Fiorentina ospite della Stagione Concerti di Toscana Classica presso l’Auditorium Orsanmichele di Firenze. Ha collaborato come solista con i Maestri Ivan Velicanov, Joost Smeets, Lucie Leguay nelle Orchestre che dirigono. Si esibisce anche in ensemble da camera come lo splendido Concerto al Teatro Baretti di Torino con i Solisti dell’Orchestra Archi Ferruccio Busoni. Ha frequentato le Masterclasses Internazionali di alto perfezionamento pianistico dei Maestri: Muriel Chemin, Alessio Cioni, Bruno Canino, Luca Rasca, Simon Bottomley alla Chetam’s Music School di Manchester. Frequenta la Master Class di musica Rossiniana del M° Marco Sollini. Si è perfezionato con i Maestri Riccardo Risaliti e Boris Petrushansky ai Corsi di alto perfezionamento dell’Accademia Pianistica Internazionale di Imola “Incontri con il Maestro”. Viene selezionato nella Master Class del M° Pavel Gililov al-l’Accademia di Musica Pinerolo. Partecipa al Corso di Alto Perfezionamento Pianistico selezionato dal M°Jefferey Swann. E’stato inoltre selezionato per la Master Class di Alto Perfezionamento tenuta dal M°Lilya Zilberstein presso Accademia Musicale Internazionale Chigiana. E’ uscito nella primavera 2017 il suo primo CD con etichetta SONY Classical “Italian Piano Works”, un re-pertorio italiano dal ‘600 al ‘900, recensito da molte riviste tra le quali Amadeus, Sandro Cappelletto (“Viaggio attraverso tre secoli di pianoforte italiano” La Stampa 11/03/2017) e Giovanni Gavazzeni (“Piano di Mazzonetto” Il Giornale 23/03/2017) Renato Allegri (Rubrica Musica settimanale Chi), Andrea Bedetti (Music Voice 22/11/2018). Recensito da Wdr 3 tonart – Media Thek Wdr Ger many. Mandato in onda regolarmente da di-verse radio tra cui RAI Radio 3. Molto bella la sua intervista in onda su IDM radio.

 

Lisa Rieder, celebrata da personalità influenti nel mondo degli strumentisti di archi per l’estensione, finezza e acutezza della sua arte, per il suo dominio tecnico, e per la sua vivace curiosità intellettuale, la violinista russo-svizzera Lisa Rieder sta guadagnando una notevole fama come solista per concerti, recitalist e musicista da camera in Svizzera, Italia, Austria, Germania e Francia. Nata in una famiglia di musicisti a Mosca, ha iniziato a studiare il violino all’età di quattro anni, sotto la tutela di Inna Gaukhman. Dopo gli studi presso la rinomata Gnessin Music School, ha continuato la sua formazione a Basilea, dove Raphaël Oleg è stato fra i suoi insegnanti. Si è laureata alla Musik Akademie della città svizzera di Basilea con il massimo dei voti e il riconoscimento come miglior studente dell’anno.  Dal 2013 è sotto la guida di Viktoria Mullova, che ha lodato la sua “tecnica della migliore tradizione della scuola di violino russa, il suono splendido e una buona comprensione dello stile”. Inoltre, ha studiato regolarmente con Hansheinz Schneeberger, Dora Schwarzberg e Zakhar Bron e ha partecipato a masterclass in istituzioni come la Kronberg Academy e Carl Flesch Akademie in Germania e l’International Sommerakademie Mozarteum in Austria. Come solista Lisa Rieder si è esibita con direttori come Heinz Holliger, Christoph-Mathias Mueller, Pavel Baleff e Antoine Maguier, e con orchestre come la Sinfonieorchester Basel, la Philharmonie di Baden-Baden e l’Orchestra delle Nazioni Unite. Tra i festival e le serie, che l’hanno ospitata come recitalist e musicista da camera, ci sono lo Schwarzberg & Friends a Vienna, il Festival di Colmar in Francia e, in Svizzera, Cully Classique, Schubertiade de l’Espace 2, Murten Classics, Basel Altstadt-Serenade e i Concerti du dimanche de la Ville de Genève, che si svolgono nella Victoria Hall. Dimostrando una particolare affinità con Beethoven, Schubert e Schumann, e con opere del periodo tardo-romantico e dei primi anni del XX secolo, Rieder accompagna l’ascoltatore attraverso una vivida intuizione delle intenzioni, delle esperienze e dell’umanità del compositore. Hansheinz Schneeberger, l’insigne violinista svizzera, l’ha inserita in una combine con Adolf Busch come interprete di Schubert, mentre Georges Starobinski, Decano del Musik-Akademie Basel, ha dichiarato che: “Lisa Rieder non possiede solo un evidente talento musicale, ma anche una vibrante sensibilità, carisma e autorevolezza. È una vera personalità artistica “.