Concerto per flauto ed orchestra

La musica inedita del compositore Philip Glass, il più noto rappresentante del minimalismo musicale, in un’anteprima mondiale a Villa Bertelli. Sabato 24 novembre alle 21.00 nel Giardino d’Inverno è in programma un concerto per flauto ed orchestra, che vedrà come protagonisti il flautista brasiliano James Strauss e l’Orchestra da Camera Scarlatti. Sul podio il direttore americano Jeffrey Dokken. L’evento, con ingresso a 10 euro, è promosso dalla Fondazione Villa Bertelli, in collaborazione con l’Associazione Armonie in villa e l’agenzia Opera Music Management. “Siamo felici e orgogliosi di accogliere a Villa Bertelli una performance di questo livello, che offrirà un’opera inedita del grande compositore americano, in un’interpretazione, magistralmente eseguita dal flautista brasiliano James Strauss, diretto dal Maestro Jeffrey Dokken- ha dichiarato il presidente della Fondazione Villa Bertelli Ermindo Tucci.  Un appuntamento di assoluta rilevanza internazionale, che unitamente, proporrà il concerto dell’Orchestra Scarlatti”. Philip Glass, impossibilitato a essere presente a Villa Bertelli, invierà un video messaggio di saluto al pubblico. Di seguito il programma:

Aaron Copland -Hoe Down from Rodeo 3’00.

Philip Glass Flute -Concerto 25’00.

Vittorio Monti -Csardas

Dimitri Shostakovic -Romance- from Gadfly op.97

John S. Cox – Le Carnival of Venice – Air and Varations

Aram Khachaturian – Dance du Sabre

Henry Vieuxtemps- Souvenir d’amerique op. 176’00

Nicolay Rimsky Korsakov – The Flight of the Bumblebee

Bela Bartok – Danses Populaires Roumanes

Antonio Bazzini – Le Ronde des Lutins op.25

I PROTAGONISTI

PHILIP GLASS

Autore di musica contemporanea, è solitamente considerato tra i capofila del minimalismo musicale con Steve Reich, La Monte Young, Terry Riley, John Adams. Esaurito il periodo di massima produzione minimalista, contrariamente agli autori succitati, a parte forse Adams, si è progressivamente emancipato, scegliendo uno stile di più facile fruizione, postminimalista, meno rigoroso, e spesso volto verso la tradizione sinfonica americana. Dagli anni ottanta ha preferito prendere le distanze dal termine, mantenendo nel suo stile una forma iterativa, ma ampliando al massimo le possibilità espressive offerte dalla tonalità, e accogliendo sempre più suggestioni dalle culture musicali extraeuropee, interesse del resto già manifestato all’inizio della carriera collaborando con il musicista indiano e compositore Ravi Shankar. Tra le sue opere compaiono numerosi componimenti musicali di vario tipo, con una certa predilezione per le forme sceniche (teatro, danza, performance) e le colonne sonore di diversi film e documentari. Celebre, in quest’ultima categoria, la serie di film realizzati da Godfrey Reggio a cavallo tra il 1983 e il 2003 e basati su profezie degli indiani Hopi, nota come “Trilogia Qatsi”: lo stesso Glass ha portato in tournée anche in Italia concerti live in cui il suo ensemble esegue le musiche direttamente sulle immagini dei film (prima esecuzione integrale: Torino, Settembre Musica, Auditorium “Giovanni Agnelli” del Lingotto, settembre 2005). Ha collaborato con vari artisti della scena ambient (tra cui Brian Eno) e pop-rock (tra cui David Bowie, di cui ha adottato i temi di “Heroes” per comporre l’omonima sinfonia). Philip Glass è stato inoltre posizionato al numero 9 della Top 100 geni viventi stilata nel 2007 dalla rivista inglese “The Telegraph

JAMES STRAUSS

Il flautista brasiliano James Strauss ha compiuto una spettacolare ascesa nel mondo della musica classica come solista, campione del repertorio per concerti, camera. Combinando tecnica consumata con sensibilità e profondità rare, le sue esibizioni sono una fonte perenne di ammirazione. “Il Lang Lang del flauto”, dice l’Arizona Daily Star. “Un grande bravo! Un autentico rappresentante latino della Scuola di flauto francese”, ha dichiarato Jean Pierre Rampal. Quelli abbastanza fortunati da sentire il flautista brasiliano James Strauss sono immediatamente d’accordo con l’apprezzamento del Maestro francese; è uno spettacolo straordinario di musicista erudito alleato con un senso innato di comunicazione attraverso l’arte. Strauss è un musicista con un pari talento per la dolcezza, l’eleganza e qualunque cosa sia possibile, all’interno del concetto di drammatica intimità, il tutto filtrato attraverso un’onesta e sincera abilità per concettualizzare correttamente un’opera. Il suo repertorio spazia dal barocco ai maestri contemporanei, oltre alle imprese brasiliane e sudamericane che riflettono perfettamente le molte sfaccettature delle sue capacità nelle esibizioni da solista, da camera o da concerto. James Strauss è il primo flautista brasiliano ad aver mai ricevuto un Diplomme de Concertiste dall’École Normale de Musique de Paris. Era uno dei pochissimi ultimi discepoli di Jean-Pierre Rampal. Strauss è stato premiato con una borsa di studio dal governo francese per il Conservatorio di Parigi e per l’École Normale de Musique Alfred Cortot di Parigi dove ha studiato con Pierre-Yves Artaud, Alain Marion, Genevieve Martigny, Alain Menard, Maurice Pruvot, Lazlo Hadadi, Bernard Andrés e successivi masterclass con Mstislav Rostropovich, Ransom Wilson, Michel Moragues, Michel Debost e Lars Nilsson. Strauss è stato premiato in numerosi concorsi e premi internazionali come: UFAM – Concours International, de Musique de Chamber 1st Prize, UFAM – Concours International de Flute 1st Prize ( France ), Concours International de la Ville de Lempdes – best interpretation of contemporary piece ( France), Concours du jeune Flutiste 2st prize – Morangis   ( France), Premio Carlos Gomes – Brazil, Huesped Ilustre de la Ciudad de Guayaquil ( Ecuador). Strauss ha un particolare interesse per la nuova musica e il repertorio non convenzionale, che ha portato molti compositori a dedicargli opere tra cui il mondo o premiere locali di opere di Philip Glass, Alexander Arutiunian Nicole Randall, Solfa Carlile, Sean Hickey, Glenn Roger Davis, Ricardo Tacuchian, Philip Czaplowski, Dimitri Cervo, Julio Medaglia, Charles Chaynes, Jean Françaix, Thorkel Sigibjornsson, Ezequiel Diz, Betholven Cunha e molti altri. Ha dato la prima moderna all’ottavico del quarto ottavino concerto di Antonio Vivaldi, scoperto dal musicologo francese Jean Cassignol. È regolarmente presente sulla stampa internazionale, ospite di NPR su Performance Today, Bowed Radio, WGUC FM, RADIO FRANCE INERNATIONAL, Radio Classique ed è stato ospite e interprete dello show televisivo musicale in Brasile Musicas que elevam presso REDE MUNDIAL. The Falls House Press / Theodore Presser Company ha pubblicato la scoperta e la ricostruzione di James Strauss del Concertstuck per flauto di Čajkovskij. Strauss è stato ospite solista con orchestre tra cui: Capriccioso Chamber Ensemble (Finlandia), Orchestre de Chambre de Paris (Francia), Israeliana Virtuosi (Israele), Orchestre Philharmonic de Sibiu (Romania), Oxford Chamber Orchestra (Regno Unito), Tokyo Chamber Orchestra ( Giappone), Orquestra Sinfonica do Recife “(Brasile), Orchestra Sinfonica di São José dos Campos (Brasile), Orchestra da Camera Bachiana, Orquesta Sinfonica de Guayaquil (Ecuador), Orquesta Sinfonica de Cuenca (Ecuador), Orquestra Sinfonica de Venezuela, Orquesta Sinfonica de Xalapa (exico) Orquestra Sinfonica do Teatro Nacional de Brasilia e molti altri. Rispettato per il suo insegnamento ispiratore, Strauss ha insegnato corsi di perfezionamento e recital per università e società flautistiche, quali l’Università di Miami (USA), l’Accademia d’arte islandese (Islanda), l’Ecole Normale di Parigi (Francia), il Festival Eleazar de Carvalho Fortaleza CEARA (Brasile) – Londrina Music Festival (Brasile), Venezuela Simon Bolivar Conservatory. Come dicono i critici, “Ha un sorprendente colore, un suono magnifico e ricco e trasmette uno scintillio brillante alla sua musica …” Questo musicista emotivo e tecnicamente superbo si esibisce come solista di concerti in tutto il mondo, con il suo virtuoso flauto. James Strauss è uno degli artisti più brillanti della sua generazione. Artista di registrazione attivo per l’etichetta CAPRICCIOSO – Ha già fatto 10 CD con artisti come Israeliano Virtuosi (Tchaikovsky e flauti brasiliani), Orchestra sinfonica nazionale lituana, Orquesta Sinfonica del Venezuela, Ada Pelleg, Regina Glasunova, Miyo Umezu, Alfonso Lopez, Camerata Simon Bolivar e altri.

JEFFREY DOKKEN

La rivista Northern Virginia ha scritto, sotto la direzione del Maestro Dokken “NOVA ha una sinfonia di livello mondiale nella Symphony Orchestra della Virginia del Nord.” Negli ultimi dieci anni, Dokken si è esibito in tutti gli Stati Uniti in alcuni dei più grandi luoghi d’America, tra cui il Kennedy Center , Carnegie Hall e molti altri; a livello internazionale, si è esibito al Teatro Sanchez Aguilar, al Teatro Pedro Calmon, alla Sala Giovanni Battista Martini, al Teatro Centro Civico Eloy Alfaro, al Teatro Pumapungo e al Teatro Bolivar. Dal 2012 al 2014, il Maestro Dokken ha avuto l’onore di dirigere alla Casa Bianca a Washington D.C. come parte delle “Vacanze alla Casa Bianca”. Maestro Dokken è il direttore e direttore musicale della Symphony Orchestra della Virginia del Nord, direttore artistico e direttore della Rome Symphony Orchestra e direttore artistico di CoroAllegro a Wilmington Delaware. Recentemente Dokken è stato direttore ospite dell’Orchestra Sinfonica del Teatro Nacional Brasilia, dell’Orquesta Sinfonica di Guayaquil, della Loja Symphony Orchestra, della Senzaspine Orchestra, dell’Orquesta Sinfonica de Cuenca, dell’Opera Guild della Virginia del Nord, della American University, della Washington Men’s Camerata e The Reformation Festival Coro. Nel 2013 e 2014, il Maestro Dokken ha diretto un coro e un’orchestra combinata di 250 voci in un’esibizione del “Messia” di Handel al Kennedy Center for the Performing Arts. Dopo essersi laureato in interpretazione vocale presso la prestigiosa Scuola di Musica dell’Università di Redlands, Dokken ha conseguito lauree in educazione musicale e direzione d’orchestra alla California Lutheran University e allo Shenandoah Conservatory, rispettivamente. Il Maestro Dokken ha studiato direzione d’orchestra con il Dr. Steven Cooksey e Jeffrey H. Rickard, eufonio e trombone con il Dr. Phil Keen, pianoforte con la Dott.ssa Angelica Prodan, e voce con la signora Patricia Gee e il Dr. Anthony Zwerdling. Oltre ad essere un abile direttore d’orchestra, il Maestro Dokken è molto richiesto come cantante. Come cantante, Dokken si è esibito con innumerevoli solisti di livello mondiale, tra cui Andrea Boccelli, Kelli O’Hara e Brian D’Arcy James, tra gli altri. Dokken si è esibito come solista vocale in tutto il paese con vari ensemble strumentali e corali, tra cui recenti esibizioni con la Kennedy Center Opera House Orchestra e St. Marie’s Choral Arts. Nel 2015, Dokken ha eseguito una serie di acclamati concerti di duetto in California e Virginia con il pianista Juan Carlos Escudero. Dokken ha composto, condotto ed eseguito su un certo numero di CD. Più recentemente, Dokken è stato consulente musicale di “An Orchestral Journey” di Novona Records. Dokken ha diretto “Premiere all’Opera House”, una registrazione con l’Orchestra Sinfonica della Virginia del Nord e il Coro Metropolitano, con Carmina Burana e altre opere in anteprima nei teatri dell’opera. Recentemente ha anche diretto e cantato il ruolo di tenore nell’adattamento di Stephan Parker dell’opera classica di Ferdinando Paer “Leonora”.

ORCHESTRA SCARLATTI

Vanta un curriculum prestigioso un cui spiccano nel 2018 un gran Gala Lirico sotto la direzione del M° Massimiliano Piccioli con i cantanti Oksana Dyka, Gabriele Viviani; sempre sotto la direzione del M° Piccioli è stata messo in scena l’Opera Pucciniana Madama Batterfly con la regia e la scenografia del regista Tommaso Geri al Teatro del Popolo di Colle Val d’Elsa. Sotto la direzione del M° Gianluigi Dettori ha eseguito nel Duomo di Bergamo Alta la Messa da Requiem di G. Verdi in occasione dei festeggiamenti per Papa Giovanni XXIII°; sempre sotto la direzione del M° Dettori è stata invitata al Portofino Opera Festival per accompagnare la solista Masha Diatchenko giovane violinista affermata a livello mondiale. Nell’estate 2018 ha portato in Tournee il progetto musicale dall’Opera al Cinema, eseguendo sia arie d’opera che musiche da film, vedendola impegnata in varie località Toscane per oltre quindici concerti, al Pollino Opera Festival e infine al Festival di Cervinara.